Le Vie dei Tesori è un Festival Palermitano  che nei weekend dal 1 al 30 ottobre svelerà i tesori più o meno noti di questa città siciliana. Si tratta di 65 luoghi – oratori, cappelle, catacombe, cunicoli arabi, bagni ebraici, teatri, chiese sconsacrate e consacrate, cripte e via continuando di questo passo – e di 70 tra incontri specifici, conferenze e passeggiate guidate da esperti.

Palermo si aprirà interamente, dalle dimore nobiliari ai vicoli della città multietnica, grazie alla rete di istituzioni coinvolte“

Visite animate e laboratori per bambini

C’è una particolare sezione dedicata ai bambini con laboratori e passeggiate dedicate e laboratori fuori dai soliti percorsi.

Vi interessano le mummie? Con A scuola di Mummie – Domenica 16 ottobre   si spiega l’imbalsamazione che va dall’Antico Egitto alle Catacombe dei Cappuccini e diventa spunto di gioco e conoscenza per i bambini. Nella prima parte, i piccoli partecipanti dovranno indovinare alcuni degli ingredienti usati dagli Egizi per la mummificazione. Sono racchiusi nei barattoli e a ciascuno di essi è legato un indovinello. Un modo per parlare dei diversi tipi di mummificazione e di imbalsamazione, partendo da quella egizia, per arrivare alla collezione custodita alle Catacombe, la più grande al mondo, e raccontando alcune tradizioni che nella nostra cultura legano i due mondi.

Preferite i pirati? Con I pirati del Mediterraneo e i dolcetti di Martorana – Sabato 29 ottobre ci sarà la narrazione delle borgate marinare della città di Palermo, e in particolare di Acqua dei Corsari e della sua leggenda legata ai pirati e ad una sorgente d’acqua. Realizzazione della frutta martorana mani in pasta e tanta fantasia.

I laboratori per bambini sono veramente tanti e tutti interessanti e prevedono un contributo che va dai 3 agli 8 euro.

Per il programma e altre informazioni visitate il sito della manifestazione www.leviedeitesori.com

 


Fonte: comunicato stampa

Quantomanca.com ha verificato le informazioni qui pubblicate. Tuttavia potrebbero esserci imprecisioni, dovute a cambiamenti, rinvii o annullamenti. Si consiglia di contattare sempre gli Organizzatori tramite email/telefono o di visitare i rispettivi siti web, ove segnalati.