Londra per bambini. Londra è una di quelle capitali europee dove spesso si decide di andare per un fine settimana. D’altronde ci sono molti voli Low Cost che partono dall’ Italia e che rendono possibile partire per un fine settimana e visitare Londra in tre giorni, una città che ha moltissimo da offrire anche a chi viaggia con la famiglia.

Visitare Londra in tre giorni:  il nostro itinerario dedicato soprattutto ai bambini

L’ hotel che abbiamo scelto è a South Kensington, nella zona dei musei, e visto che siamo rimasti a Londra solo 3 giorni ci ha permesso di raggiungere a piedi sia i musei che i parchi senza spendere altri soldi per la metro.

Primo giorno: Natural History Museum, Hyde Park e Kensington Garden

Il primo giorno l’ abbiamo dedicato alla visita del Natural History Museum (circa 750 m dall’ hotel). Questo museo è una vera meraviglia per i bambini. E’ ospitato in una costruzione vittoriana ed è uno dei più grandi musei della scienza esistenti al mondo. Ogni giorno ci sono intere scolaresche che lo visitano, oltre a migliaia di turisti e quindi bisogna mettersi l’ anima in pace ed affrontare la coda dell’ ingresso augurandosi che non piova.

 

Il museo è suddiviso in due parti e due relativi ingressi: le Life Galleries, con ingresso in Cromwell Road, che sono relative al mondo vivente, e dove appena varcate la soglia potete vedere subito l’ enorme scheletro del dinosauro diplodocus ( ce ne sono poi molti altri nelle varie gallerie),  fino alla biologia umana, e le Earth Galleries, alle quali si accede direttamente dall’ ingresso su Exhibition Road, specializzate in scienze geologiche e suddivise in storia della Terra, Geologia e Risorse minerarie. Sia che entriate dall’ una o dall’ altra parte potete comunque visitare tutto il museo.

Per facilitare la visita, il museo è diviso in zone colorate: la Zona Blu dedicata a dinosauri, pesci, anfibi e rettili, mammiferi e  biologia umana; nella Zona Verde si trovano uccelli, rettili, fossili marini, minerali e meteoriti; la Zona Rossa analizza l’evoluzione della Terra e infine nella Zona Arancione si trova il Centro Darwin, che è diventato una delle attrazioni principali del museo e il giardino naturale.

La visita richiede diverse ore per cui è bene andare all’apertura. All’ interno c’è anche un bar e un ristorante per una meritata sosta.

La giornata si può concludere con una passeggiata ad Hyde Park. Se il tempo lo permette ci si può riposare all’ ombra di qualche albero e fare simpatici incontri con gli sciattolini che vivono qui.

Per premiare i bambini, camminando ancora un pò ( in totale 2 km dal museo), si arriva a Kensigton Gardens dove si trova il Diana Memorial Playground. Questa area giochi è ispirata alle fantastiche storie di Peter Pan, ed è un ambiente recintato e sicuro per bambini fino a 12 anni. Per i più piccini ci sono altalene, aree con la sabbia,  e un prato dove stendere una coperta per farli giocare. I più grandi si dirigeranno subito nella nave dei pirati con ponti di corda e scale dove arrampicarsi.

E mentre nostro figlio andava all’ arrembaggio noi ci siamo fermati nel punto di ristoro a goderci il tiepido sole di questo fine giornata.

Secondo giorno: Science Museum e Holland Park

Anche il secondo giorno l’ abbiamo dedicato ad un museo: lo Science Museum ( 1 km dall’ hotel)  che si trova vicino al National History Museum con ingresso in Exhibition Road. Sia che si abbia una passione per la scienza o meno, questo museo è interessantissimo. Nei suoi cinque piani si spazia dalle astronavi, alle macchine industriali, alle auto, agli aerei e mongolfiere, alla medicina, il tutto supportato da mostre interattive e didattiche, ricche di informazioni e soprattutto adatte anche ai bambini.

Daltronde come non essere interessati se già all’ ingresso ci si trova faccia a faccia con un astronauta e la navicella di atterraggio sulla luna. E poi alzando gli occhi in su, sopra la nostra testa ruota l’Energy Ring, un enorme anello in alluminio attraversato da luci.

Nel museo si trovano postazioni interattive e giochi per i bambini di ogni età ed anche se tutto è in inglese, i ragazzi hanno sempre quel senso pratico, che anche se non capiscono cosa c’è scritto riescono subito ad entrare nel gioco.

Anche il pomeriggio di questa giornata l’ abbiamo dedicato alla visita i un parco. Dopo essere ritornati in albergo per un’ ora di riposo, sempre a piedi siamo arrivati fino ad Holland Park (2 km. circa).

Una bella camminata subito ripagata dalla bellezza di questo parco. Anche qui fiori profumati, scoiattoli che ti vengono a salutare sulla panchina e poi… la vista di un magnifico pavone che ha conquistato subito i nostri sguardi. Nostro figlio non voleva più andare via e aspettare che facesse la ruota… che putroppo non ha fatto.

Terzo giorno: Oxford Street

Il terzo giorno ci siamo concessi un pò di shopping visto che la sera dovevamo poi ripartire. All’ hotel è possibile dare in custodia la valigia e poi con il bus 74 siamo andati fino ad Oxford Street e ci siamo diretti subito da Primark. Se non conoscete questo negozio, qui si trova abbigliamento veramente economico. La fila ai camerini o alle casse è sempre lunga ed è sempre superaffollato, ma ne vale la pena se non volete spendere una fortuna.

Informazioni pratiche

Tranfer dall’ aeroporto

Abbiamo utlizzato il servizio TourismAbout ( in questo post c’è anche uno sconto di 5 sterline valido fino a dicembre 2016)

Dove dormire

Hotel Holiday Inn Kensington Forum
www.ihg.com

Holiday Inn London Mayfair

Cosa vedere

Natural History Museum
Orari e costi
Aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 17:30 Chiuso dal 24 al 26 dicembre
L’ingresso è gratuito eccetto che per le mostre temporanee e se volete visitarle è meglio che prenotate l’ ingresso on line.
www.nhm.ac.uk

Science Museum

Orari e costi
Aperto tutti i giorni 10:00 alle18:00 Chiuso dal 24 al 26 dicembre
L’ingresso è gratuito eccetto che per le mostre temporanee, le rappresentazioni Imax e i vari simulatori.
www.sciencemuseum.org.uk

 


Guest Blogger

Questo post è stato scritto da un “Guest Blogger”. Quantomanca è sempre lieto di ospitare altri appassionati di viaggi desiderosi di condividere le loro esperienze con i suoi lettori.
Se vuoi raccontare anche tu un viaggio, o hai scoperto una meta interessante per le famiglie, vai alla nostra pagina TU BLOGGER per maggiori dettagli.