“Filippo sta per compiere 2 anni…. dobbiamo assolutamente trovare qualcosa e partire finchè non paga quasi nulla!”

Così è nato il nostro viaggio a Zanzibar a febbraio 2015. Trovata un’occasionissima on line, prenotato subito (il mercoledì per partire la domenica), insomma, un vero e proprio last second, come è il nostro stile.. scappare dalla neve e scendere dall’aereo con il solo desiderio (e bisogno!) di spogliarsi! Che meraviglia…

Siamo rimasti tutti e 4 immediatamente affascinati dalla natura e dai colori di quest’isola, Unguja (la più grande dell’arcipelago di Zanzibar). Una parte di Africa molto tranquilla, che ci aveva consigliato anche il pediatra (Filippo aveva 23 mesi e Matteo 4 anni e mezzo) poichè  la malaria è debellata e non c’erano altre malattie pericolose. Il periodo era quello buono (da evitare quelli delle piogge!!). Avevamo una bella stanchezza sulle spalle e tanta voglia di rilassarci e stare insieme, così l’idea era quella di farci una settimana in assoluto relax, al mare e in un resort tutto incluso. Siamo così giunti a Pwani (a nord est), dove c’è il fenomeno delle maree, che per noi è stato straordinario! Ogni 6 ore il mare cambiava… il panorama è così particolarmente suggestivo, ci sono tanti uccelli e granchietti in giro, la spiaggia è lunghissima per passeggiare e correre, ma anche la possibilità di fare ugualmente un po’ il bagno nell’acqua bassa… (siamo andati un pomeriggio a vedere le spiagge del nord.. bellissime anche quelle, senza le maree, quindi con un mare sempre presente, ma le abbiamo trovate più classiche, meno particolari ed uniche).

zanzib2

zanzib3

Poi, incuriositi dai racconti e dalle guide, non abbiamo resistito a star fermi e ci siamo fatti anche alcune gite nei dintorni per esplorare un po’ altre ricchezze di questi luoghi. Dobbiamo consigliarvi assolutamente lo Spicy tour (tour delle spezie). Un’escursione adattissima ai bambini, in mezzo alla natura, ma protetti dal sole (grazie alle piante rigogliosissime!), con indovinelli, assaggi, piccoli doni, spettacolini… Poi un bel giro a Stone Town, la città dell’isola, e al suo caratteristico mercato e Prison Island, l’isola delle tartarughe. Per i bimbi quest’isola è un luogo perfetto: ci si arriva un traghetto in circa 20 minuti da Stone Town, dentro non passano mezzi di locomozione quindi non è rischiosa e c’è questo parco con le tartarughe giganti di terra, che possono essere viste, fotografate e accarezzate.. i nostri bimbi ne parlano ancora!

zanzib4

Ecco, prima di finire, vorrei aprire una grande parentesi sulla struttura presso cui eravamo (Villa Dida) e sul tour operator (Zanzibarviaggi) con cui abbiamo prenotato. Abbiamo trovato un’ottima professionalità, un’attenzione alle esigenze di ciascuno di noi unica e scoperto una struttura davvero accogliente, familiare, piacevole.. di cui è difficile non innamorarsi.
Villa Dida è un eco-resort di di proprietà del t.o. e l’abbiamo trovata un vero e proprio paradiso: una “casa” incantevole, dove ci siamo sentiti da subito a nostro agio. Le stanze sono molto grandi, curatissime e caratteristiche: i letti (enormi) hanno tutti le zanzariere, al posto dell’aria condizionato hanno optato per le ventole a soffitto e le finestre (sempre con zanzariere) che consento di arieggiare in maniera sana e più ecologica.
Una nota particolare va al cibo: superlativo!!! Si mangia sempre à la carte (la mattina si ordina per il pranzo e la cena). Il pesce è buonissimo (tonno, polpo, granchi, ecc..), i sapori delle materie prime vengono esaltati e ci sono anche piatti tipici squisiti! Per i bimbi fanno anche piatti semplici e a richiesta. Poi a colazione ci sono dolci fatti in casa, il frullato di frutta fresca sempre diversa da far leccare i baffi e il the zanzibarino (speziato) che merita di essere assaggiato (così come la bibita allo zenzero ai pasti, sempre inclusa nel pacchetto)! Non perdetevi neppure la serata zanzibarina con specialità culinarie, musica e danze locali!
La struttura è sul mare e ha anche una bella piscina, nella quale i nostri bambini si sono divertiti moltissimo.

Be’, cosa aspettate, non correte a prenotare anche voi?? 😉

Inviato da Silvia Lolli


Guest Blogger

Questo post è stato scritto da un “Guest Blogger”. Quantomanca è sempre lieto di ospitare altri appassionati di viaggi desiderosi di condividere le loro esperienze con i suoi lettori.
Se vuoi raccontare anche tu un viaggio, o hai scoperto una meta interessante per le famiglie, vai alla nostra pagina COLLABORA CON NOI per maggiori dettagli.

Collabora con noi: pubblica e condividi su Quantomanca.com i tuoi diari di viaggio con la famiglia