Basílica de los Desamparados valencia

Valencia è  diventata negli ultimi anni una delle città europee più amate dalle famiglie. Qui con i bambini non c’è tempo per la noia tra musei, acquari, zoo, attrazioni ed eventi per famiglie.

Ma se cercate ancora un altro motivo per visitare Valencia a primavera, organizzatevi per venire qui nel mese di maggio, che è uno dei periodi più belli dell’anno per scoprire la città. Il clima regala giornate che già profumano d’estate e Valencia entra nel vivo di un fitto calendario di appuntamenti e feste religiose.

Da non perdere la seconda domenica di maggio è la festa de la Virgen de los Desamparados (Madonna degli Abbandonati) che è anche la patrona della città.

Virgen de los Desamparados

Alla Virgen de los Desamparados, che qui viene anche chiamata  “Geperudeta“, ossia “la gobbetta”per la posizione leggermente incurvata in avanti, sono dedicati  due giorni di onori e tributi. Si inizia la mattina all’ alba con la Missa de Descoberta, dove viene scoperta la immagine della Madonna, e si finisce il tardo pomeriggio con una processione che si divincola per il quartiere antico del Carmen, il tutto abbellito da migliaia di fiori.

Tra i momenti più attesi dai fedeli ci sono il Trasferimento dalla Basilica alla Cattedrale e la Processione, durante i quali i Valenciani si ritrovano nelle strade della città per celebrare la patrona.

Fontana del Rio Turia con alle spalle la Basilica del al Virgen de los Desamparados

 

La Basilica della Vergine degli Abbandonati, proprio accanto alla cattedrale, è la più grande chiesa barocca della città di Valencia e fu costruita nel 1667 in stile barocco. Qui è costudita la statua della Vergine degli Abbandonati. Sebbene esternamente questa chiesa sia abbastanza anonima, l’ interno  invece è stupendo, soprattutto l’altare, con i caratteristici balconcini e la cupola riccamente affrescata.

Maggiori informazioni le puoi trovare qui