“Vengano i bambini nel tino!” grida il vignaiolo, battendo sul paiolo!!

Da tempo, il Castello di Gropparello, sulle colline piacentine, ha preso a cuore l’avventurosa missione di rispondere alle domande dei più piccoli e di solleticare la loro curiosità con eventi e storie fantastiche che hanno molto a che fare con le tradizioni e il passato. Anche quello non troppo lontano.

Nelle domeniche di settembre l’uva e il vino sono i protagonisti al Castello di Gropparello in provincia di Piacenza.

Un’esperienza che unisce didattica e svago e che con un biglietto unico comprende altre entusiasmanti attività: la visita della maestosa fortezza e l’ingresso al primo parco emotivo d’Italia, il Parco delle Fiabe, con fantastiche avventure in costume.

E mentre i piccoli si cimentano nella pigiatura, i genitori possono provare assaggi dei vini locali in una degustazione guidata dal sommelier del Castello, nella nuova Sala Fratina inaugurata quest’anno e nella Limonaia del Castello ci sarà una rassegna di cantine piacentine che presenteranno i loro vini direttamente.

Alle mamme è consigliato di vestire i piccoli con pantaloncini corti e di portare un asciugamano per pulirne i piedini che si tingeranno di nero, ma che ad ogni modo saranno sciacquati in una tinozza d’acqua fresca.

Alle mamme consigliamo di non dimenticare una tanichina per portarsi a casa il mosto del Castello e vestire i bimbi con calzoncini corti e portare con sé il necessario per asciugare i loro piedi dopo che dal tino saranno passati in una tinozza d’acqua fresca. Se pigeranno l’uva nera rimarrà il colore del mosto sulla pelle dei loro piedi: niente paura, è solamente il segno per aver partecipato alla produzione di una bevanda antica.

Informazioni e costo

Il costo del biglietto – di 19,50 euro per gli adulti e di 16,00 euro per i piccoli – comprende la Visita al Castello, il Parco delle Fiabe con l’avventura per i piccoli cavalieri, la pigiatura dell’uva per i bimbi e la degustazione guidata dei vini per gli adulti.

Informazioni: www.castellodigropparello.it


Fonte: comunicato stampa

Quantomanca.com ha verificato le informazioni qui pubblicate. Tuttavia potrebbero esserci imprecisioni, dovute a cambiamenti, rinvii o annullamenti. Si consiglia di contattare sempre gli Organizzatori tramite email/telefono o di visitare i rispettivi siti web, ove segnalati.