maschere tradizionali italiane

La storia di Stenterello

Dal naso prominente, Stenterello è il tipico personaggio fiorentino chiacchierone, pauroso ed impulsivo; ma anche saggio, ingegnoso e pronto a schierarsi dalla parte del più debole, anche se la tremarella gli mette spesso i bastoni tra le ruote. Assieme alla risposta pronta, ha sempre battute pungenti, espresse in vernacolo fiorentino. Ed è in questo contrasto il fulcro della comicità della maschera di Stenterello.

La maschera di Stenterello venne ideata nel 1700 dall’attore fiorentino Luigi Del Buono. In esso è raffigurato il popolano fiorentino, di bassa estrazione, il quale oppresso da avversità ed ingiustizie, ha in se sempre la forza di ridere e scherzare. Il nome di questa maschera venne dato dal pubblico toscano, come colui “che pare cresciuto a stento”, e quindi Stenterello.

Come viene rappresentato

L’abbigliamento di Stenterello specchia il suo carattere disordinato: le calze di due colori diversi, la giacca con risvolti a scacchi, i pantaloni corti e stretti al ginocchio e il panciotto a pallini. Indossa un cappello a barchetta e una parrucca con il codino.