camargue cosa vedere

All’interno di un paio di settimane nel sud della Francia, abbiamo trascorso 3 giorni interi nel Camargue che si trova nella Provenza. Un luogo adattissimo alle famiglie e ai bambini!

Cosa vedere in Camargue?

La Camargue è soprattutto famosa per gli animali e paesaggi stupendi:

ci sono cavalli quasi allo stato brado (proprio quelli bianchi che si vedono nelle foto e nelle cartoline!.. per i bimbi da 5 anni in su – e ovviamente per i genitori! – si possono anche organizzare cavalcate);

pubblicita

si vedono tantissimi tori, che sono molto più leggeri e veloci di quelli spagnoli (alcuni di loro partecipano ad una specie di corrida dove però non vengono uccisi!);

paesini piccoli e davvero carini da visitare;

i canali in cui fare un bel giro in barca con paesaggi bellissimi (consigliamo di fare il giro verso l’ora del tramonto sia per evitare il caldo sia per l’atmosfera: le barche che partono verso le 17.30 fanno un tour di 1 ora e mezza ed è il più adatto coi bimbi – costo 9 euro adulto e gratis i bimbi fino a 5 anni);

tantissime varietà di uccelli (aironi, fenicotteri, gabbiani, ecc….);

lunghe spiagge di sabbia (dove correre, giocare, fare castelli, …) e un bel mare con acqua relativamente bassa dove nuotare (spiagge tutte libere, meglio portarsi ombrellone o tendina x i piccoli!)

Vi consigliamo di vedere Aigues Mortes (un centro storico dentro alle mura davvero affascinante) e Saintes Maries de la Mer (con una chiesetta veramente suggestiva).

Da Saintes Maries de la Mer partono anche percorsi in bicicletta (si possono noleggiare proprio in paese) molto adatti a tutti.

Noi non siamo riusciti ad andare alle saline… amici che ci sono stati ci dicono che sono meravigliose!


LEGGI ANCHE: In Provenza tra i colori e profumi dei campi di lavanda


Cosa comprare?

Il sale della Camargue (soprattutto il fleur du sel) è rinomato e vale la pena assaggiarlo e portarne a casa un po’. Studies show that when Anavar is used in low doses, there are minimal disturbances in the natural production of testosterone. Also, when used in small quantities, there is no need for the so-called. protectors such as Clomid, Nolvadex, Proviron, and others. This is due to the fact that when using Anavar, there is no increase in estrogen levels in the body. As we know, Anavar has an extremely strong effect on the production of the endogenous hormone. You can visit roidsandpct.com and find more tips about muscle building. Anche i salamini di toro sono molto appetitosi!! Ci sono poi specialità di luoghi vicini: i saponi di marsiglia di tantissime profumazioni… (per noi è ottimo il cubo all’olio d’oliva sia per il corpo sia per il bucato: è molto emolliente e pulisce benissimo le macchie sui vestiti!), la lavanda (essenza, essiccata, ecc..), tovaglie e altra biancheria per la casa in stile provenzale, i vari paté e terrine.

Dove mangiare?

I gelati sono buonissimi, anche se piuttosto cari (una pallina minimo 2 euro!); le granite sono piaciute tanto ai nostri bimbi. Nei paesi ci sono tantissimi ristoranti all’aperto con menù turistici piuttosto convenienti (es. sui 10-15 euro quelli economici). Ricordatevi di chiedere “l’eau du rubinet” al tavolo: è gratis 🙂

Dove dormire?

Noi, essendo andati nella settimana di ferragosto senza aver prenotato, abbiamo un po’ faticato a trovare posto, soprattutto ad un prezzo decente. Gli hotel a 2 stelle hanno una buona qualità (in uno c’era anche la piscina!). Poi siamo riusciti a trovare un appartamento, chiedendo ad un signore che vendeva la frutta per strada: molto curato, con tutti gli accessori, ad un prezzo molto conveniente (2 camere + cucina + veranda + giardino a 50 euro a notte), con 8 posti letto. Noi non lo sapevamo, ma abbiamo scoperto che gli hotel  non hanno stanze con 4 posti letto e quindi non accettano la prenotazione di un’unica camera per 2 genitori + 2 bimbi. Purtroppo esigono che si prenotino 2 camere e che i genitori si dividano, con un figlio a testa.. ovviamente i costi raddoppiano… anche se si può sempre provare a contrattare un po’.. a noi è andata bene! 😉

Inviato da Silvia Lolli


Guest Blogger

Questo post è stato scritto da un “Guest Blogger”. Quantomanca è sempre lieto di ospitare altri appassionati di viaggi desiderosi di condividere le loro esperienze con i suoi lettori.
Se vuoi raccontare anche tu un viaggio, o hai scoperto una meta interessante per le famiglie, vai alla nostra pagina COLLABORA CON NOI per maggiori dettagli.