spello umbria

Spello è una delle cittadine più belle dell’ Umbria, ma prima di raccontarvela vorrei fare una domanda.
Saresti contenta se ogni volta un turista venisse a fotografare la tua casa, la tua finestra, il tuo giardino?
Eh si, perchè Spello è così ricca di scorci, di fiori che adornano balconi, pareti e scale che è difficile resistere alla tentazione di immortalare tutto.
Il rosa dei mattoni in terracotta, il marrone dei portoni e finestre e il grigio delle strade in pietra viene continuamente interrotto dai mille colori dei fiori che sono la caratteristica di Spello e che che richiamano alla mente l’Infiorata di Spello che si tiene a giugno.

visitare spelloSpello: dove si trova

Spello si trova in Umbria in provincia di Perugia, tra Foligno ed Assisi e lo si nota già dalla strada, lassù in collina, con le sue case in pietra adagiate sulle pendici meridionali del monte Subasio.



Cosa vedere a Spello in mezza giornata

Spello non è conosciuta per incredibili attrazioni, ma ce n’è abbastanza per trascorrerci una mezza giornata o anche un’ intera giornata se si decide di fare un’escursione lungo l’acquedotto romano sopra la città.

Se non vuoi leggere tutto l’ articolo, puoi intanto vedere il video della nostra mezza giornata a Spello. Se invece vuoi scoprire esattamente cosa vedere ti consiglio di continuare a leggere l’ articolo….

“Hispellum” era in origine un insediamento romano – si trovava sulla via consolare Flaminia, vicino all’incrocio strategico per Perugia- e conserva ancora intatte le sue mura a protezione del centro storico, un piccolo gioiellino con costruzioni in pietra, chiese, negozietti di artigianato e piccoli locali tipici dove gustare i prodotti locali.

spello perugiaLa nostra visita inizia dalla monumentale Porta Consolare  a cui si accede al cosiddetto Terziere del Borgo, un tipico borgo medievale di viuzze e case tipicamente a due piani. Già dai primi passi si capisce perchè Spello è la città dei fiori: vasi fioriti adornano i balconi, le pareti e le scale e regalano un tocco di colore e bellezza alle già belle e ben tenute abitazioni.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Quantomanca (@quantomanca) in data:

Superata la Porta Consolare ci dirigiamo verso Via Cavour, la via principale  in cui si trovano la maggior parte delle altre attrazioni turistiche  a cominciare dalla Chiesa di  Santa Maria Maggiore costruita tra il XII e XIII secolo. La chiesa ha un portale medievale finemente scolpito, ma la vera chicca è all’interno: la Cappella Baglioni è decorata da uno dei cicli di affreschi più gioiosi e colorati del Pinturicchio (biglietto 3 €).

Continuando si trova la Chiesa di Sant’ Andrea del duecento, molto bella internamente e  e decorata da diversi affreschi tra cui tra tutti spicca quello del Pinturicchio che raffigura Madonna e i Santi.

spello cosa vedereSalendo ancora si arriva a Piazza della Repubblica dove si vedono molti edifici interessanti come il duecentesco Palazzo Comunale, oggi sede del Museo Archeologico.

Man mano che si segue la strada principale che sale fino alla cima del paese, i tranquilli vicoli laterali diventano incredibilmente pittoreschi e tra le mura si affacciano viste panoramiche sulle dolci e verdi colline della campagna umbra e forse più delle chiese e dei palazzi, questa è la vera bellezza di questo borgo perchè la natura regala sempre attimi di meraviglia.

spello perugiaContinuando la passeggiata in salita si arriva alla chiesa romanica di San Lorenzo, che si apre su un piccolo slargo (piazza Mazzini). L’ esterno è semplice e spoglio e si riconoscono i vari interventi subiti nel tempo, ma basta varcare la soglia per rimanere sorpresi  dall’ imponente baldacchino che ricorda molto quello della basilica di San Pietro a Roma. Le opere d’ arte, la vetrata, gli affreschi contribuiscono ad aumentare il aumentano il fascino di questo luogo di culto. Si narra che la chiesa sia stata edificata coi finanziamenti dei cittadini , come voto a San Lorenzo che aveva contribuito a liberare la città dall’assedio del re Enrico IV.

spello umbria cosa vedereDalla Chiesa di san Lorenzo, trovate due cartelli con il percorso consigliato, uno a destra e l’ altro dritto. Scegliete quello che volete, tanto è una strada ad anello nella quale si ritorna nello stesso punto. Noi siamo andati a destra verso Via Giulia  per arrivare al Belvedere di Posterula. Sulla strada si affacciano diversi negozi e anche se in salita è una bella passeggiata. Il Belvedere è il punto più alto di Spello e la vista si apre sullo spettacolare panorama delle colline e vallate umbre e in lontananza si scorge anche Assisi.  Il posto da anche la possibilità di fare una pausa e di rinfrescarsi visto che ci sono delle panchine e una fontanella. Per i bambini anche dei giochi che li rimetteranno di buon umore dopo la lunga camminata e prima di continuare per l’ Arco di Costantino.

Questo arco romano si trova nella parte alta di Spello sull’antica via che portava al monte Subasio. Essendo situato nei pressi della chiesa di San Severino, gestita dai frati cappuccini, viene anche chiamato “porta dei Cappuccini”. Superandolo si arriva ad una terrazza con un magnifico panorama sulla vallata.

Proseguendo poi per Via Torre Belvedere si ritorna al punto di partenza del percorso ad anello.

Spello cosa vedere in una giornata

Spello si può visitare in una mezza giornata anche con i bambini, ma se volete trascorrere un’ intera giornata in questo incantevole borgo e siete allenati per un’ ulteriore camminata potete fare un’escursione lungo l’acquedotto romano sopra la città.

Per arrivarci si arriva sempre a piedi in cima alla città, passando per Piazza Vallegloria e uscendo da Porta Montanara. Da qui dovete seguire le indicazioni per Collepino e cercare l’indicazione per l’Aquedotto Romano sulla destra. Il sentiero si snoda tra verdi uliveti con vista su Spello in lontananza. Il piccolo borgo di Collepino si raggiunge a piedi in circa 1 ora e 40 minuti, oppure se si è stanchi, basta far marcia indietro e ritornare a Spello.

Manifestazione Finestre Balconi e Vicoli Fioriti e infiorata di Spello

Quando siamo andati noi in estate c’ era la manifestazione finestre, balconi e vicoli fioriti che rendono Spello unica e dove gli abitanti del paese fanno a gara ad addobbare la propria abitazione o strada con composizioni floreali semplici ma di grande impatto.

D’ altronde Spello con i fiori ha un rapporto strettissimo perchè il giorno del Corpus Domini nel centro storico si svolge la celebre Infiorata di Spello, una manifestazione unica nel suo genere in cui le strade sono coperte da meravigliosi tappeti floreali. Essendo però molto turistica tenete in considerazione che il paese è strapieno di turisti ed è quindi meglio visitare il borgo il sabato pomeriggio e poi alla prima mattina della domenica, sia per evitare la calca di gente, sia perchè nel pomeriggio non vedreste più niente.

Cosa mangiare a Spello

A Spello non dimenticate di assaggiare una torta al testo. Anche se si chiama torta non è un piatto dolce ma è piuttosto una crescia farcita con salumi. Noi ci siamo fermati al Bar Giardino Bonci, che si trova nella via centrale di Spello, via Garibaldi 10. Il giardino di questo bar è fantastico, ampio, ombreggiato e la cosa più bella è che si ha una spettacolare veduta sulle colline umbre.

spello dove mangiareOra ti lascio ancora un pò di foto, perchè dopo che ti ho scritto cosa vedere a Spello, credo che concorderai con me che non si riesce a lasciare questa cittadina umbra senza immortalare ogni angolo. D’altronde come ho già scritto, Spello è uno dei borghi più belli d’ Italia e secondo me questa classifica l’ ha pienamente meritata.

spello cosa vederespello cosa vedere

cosa vedere a spello