Oceanografico valencia con bambini

Valencia è una città che offre molte attrazioni da visitare e che la rendono una meta perfetta per un fine settimana. Ma una su tutte svetta sopra le altre, l’ Oceanografico, il più grande parco marino in Europa.

Oceanografico di Valencia, molto più di un acquario

L’Oceanografico di Valencia rientra nel geniale complesso della Città delle Arti e delle Scienze, progettato tra il 1998 e il 2005 dal valenciano Santiago Calatrava di cui fanno parte anche altri interessanti edifici e che in pochissimi anni è diventato una delle icone più conosciute di Valencia.

Se poi si visita Valencia con i bambini, l’ Oceanografico costruito sul letto del fiume Turia, insieme al Bioparco sono le due attrazioni che probabilmente li entusiasmeranno maggiormente.

pubblicita

Cosa vedere al parco oceanografico di Valencia

Il parco oceanografico di Valencia è costruito in modo molto spettacolare con edifici flessuosi che si aprono come conchiglie e svettano verso il cielo catturando subito l’ attenzione. I toni del blu sono predominanti dando così subito la sensazione di entrare in un ambiente naturale che permette di vedere da vicino una sorprendente varietà di specie (circa 500) per un totale di 45.000 esemplari dei nostro mari e oceani.

Il complesso è diviso in zone che riproducono i principali ecosistemi marini del pianeta.

Artico, realizzato in una grande cupola a forma di igloo dove possiamo vedere il beluga e i trichechi.

Antartide, dove spicca una colonia di pinguini.

Mediterraneo, con circa 74.000 esemplari tra pesci e invertebrati

Oceani, l’ acquario di maggior dimensione  con un tunnel trasparente lungo circa 30 metri per osservare la fauna del mare aperto.

Il Delfinario con le sue cinque piscine.

I mari temperati e tropicali, strutture collegate da un tunnel di 70 metri.

Le isole con la sua esposizione di leoni marini.

Le Zone Umide, con la fauna e la flora delle paludi e delle mangrovie.

oceanografico valencia

L’ attrazione che comunque colpisce più di tutti del parco oceanografico di Valencia è il tunnel sottomarino in vetro della lunghezza di 70 metri (e naturalmente è sempre piena di gente). Passarci dentro e venire letteralmente circondati dal mare con le sue creature è un’ esperienza straordinaria.  Si vedono pesci, squali, razze da tutta un’ altra prospettiva e se si vuole rendere questo momento ancora più straordinario bisogna vedere quali sono gli orari in cui i sommozzatori danno da mangiare agli squali.

oceanografico valencia

Si possono poi incontrare i leoni marini, il beluga, i trichechi e vedere un emozionante  spettacolo con i delfini.

oceanografico valencia

Da marzo 2016 l’ Oceanogràfic di Valencia ha inaugurato alcuni miglioramenti. Due delle principali novità sono l’habitat per coccodrilli e uno spazio dedicato alle farfalle dove si possono osservare numerose specie nelle loro fasi di trasformazione.

oceanografico valencia

Inoltre, si sono ampliate e rinnovate altre zone del parco, come quello delle tartarughe “Albrada” per poter essere contemplate tutto l’anno; l’isola dei leoni marini della Patagonia per vedere le madri con la sua prole o l’habitat dell’Antartico, che ospiterà nuovi pinguini reali.

acquario valencia

C’è un nuovo acquario cilindrico con gli squali martello che danno il benvenuto ai visitatori all’entrata, mentre nella zona dei Mari temperati e tropicali ne hanno installato uno apposito per i pesci pagliaccio, tanto voluti dai bambini.

La gabbia degli uccelli delle zone umide è enorme e si può entrare dentro per osservare alcuni trampolieri e trovarvi faccia a faccia con loro.

acquario valencia
Inoltre hanno installato un albero artificiale di 12 metri di altezza per gli uccelli e  uno schermo gigante de 60mq. nel delfinario; si proietta l’aurora boreale sopra la cupola della zona dell’Artico ed è stato costruito un nuovo lago vivo che sarà la fermata per gli uccelli migratori mentre volano per la città.

Per chi vuole continuare a rimanere in tema marino anche per il pranzo c’ è il ristorante sottomarino in cui si mangia come dentro un grande acquario ( nei giorni più affollati bisogna prenotare prima) e per i bambini mettono  a disposizione dei seggioloni.

acquario valencia

Con l’arrivo dell’estate iniziano anche le Notti all’Oceanogràfic. Da metà luglio a fine agosto, il delfinario del parco si trasforma in ineguagliabile scenario, in cui i presenti potranno assistere a uno spettacolo di nuoto sincronizzato, musica a percussione e luci.


LEGGI ANCHE: Valencia con i bambini: le 10 attrazioni da non perdere

Informazioni pratiche per visitare l’Oceanografic

  • Il biglietto di ingresso è abbastanza elevato, più di 30 € per un adulto. Vi consiglio comunque di acquistare la Valencia Tourist  Card che vi permette di avere uno sconto sull’ingresso a questo museo e a molti altri luoghi interessanti della città, ed include anche tutti i trasporti pubblici.
  • Calcola almeno dalle 3 alle 4 ore per la visita dell’intero Oceanografic,
  • Su prenotazione sono previste anche visite guidate compresa quella del “dietro le quinte” dell’acquario, e per i bambini ci sono diverse attività per bambini (si può anche passare una notte al museo e dormire insieme agli squali!). Per maggiori informazioni consulta il sito ufficiale della Ciutat.
  • Dal centro l’ Oceanografico si raggiunge in circa 25 minuti con il bus.

Video dell’ Oceanografico

L’ Oceanografico riassunto in un minuto nel nostro video.