La California tra gli stati degli USA ha sempre avuto un fascino tutto a se. Sarà perchè rimanevo catturata dai racconti della Beat Generation a San Francisco, sarà perchè mi ha sempre dato quel senso di libertà tanto evocato nelle canzoni, sarà per l’ oceano e i surfisti biondi, che alla fine abbiamo deciso insieme ad un’ altra famiglia ad intraprendere un viaggio in questo stato. E visto che dalla California si arriva fino ad alcuni dei più bei Parchi Nazionali americani oltre che alla scintillante Las Vegas, il viaggio si è subito trasformato in una vacanza di tre settimane On The Road 

Viaggio in California – Los Angeles

Componenti : 2 famiglie -7 persone (4 adulti e 3 bambini)
Periodo : luglio
Mezzo di trasporto : aereo + auto
Modalità di alloggio : hotel

Il viaggio inizia a Los Angeles dove arriviamo dopo un volo di 12 ore da Roma.

Per ristabilirci un pò dal jet lag rimaniamo 3 giorni in questa città. Come abbiamo letto su molte guide, la città è talmente vasta che per visitarla bisogna assolutamente prendere una macchina a noleggio. Effettivamente sarebbe difficile muoversi senza auto e percorrere le autostrade ( spesso intasate) a 8 corsie ci fa subito entrare nell’atmosfera americana. 

Los Angeles, non è famosa per molte cose a parte gli oscar e Beverly Hills, per cui la prima visita che facciamo è al Grauman’s Chinese Theater  dove sul marciapiede antistante ci sono le stelle con i nomi degli attori e lungo la strada molti personaggi caratteristici vestiti come i personaggi di qualche film.

los-angeles-star

Da Hollywood Boulevard proseguiamo per vedere la scritta verso “Hollywood” che sembra quasi di conoscere visto che l’ abbiamo già vista  in molti film. La strada per arrivarci è un pò tortuosa e dopo aver sbagliato diverse volte nonostante abbiamo un  navigatore, finalmente riusciamo a vederla. In realtà non si arriva fino a sotto la scritta, ma abbastanza vicino per poter fare qualche bella foto.

los-angeles-hollywood

Nonostante tutto anche trovarsi di fronte ad una scritta risulta emozionante. Non è per la scritta in se, ma per ciò che rappresenta, per tutti i film che ci hanno fatto sognare, per gli attori che abbiamo amato, perchè ci rendiamo conto che finalmente anche noi abbiamo realizzato il sogno di venire in California.

Lungo la via del ritorno passiamo in auto per Beverly Hills, il quartiere più lussuoso della città  e Rodeo Drive.

los-angeles-beverly-hill

A parte tutte le attrazioni legate al cinema, consiglio vivamente di andare al Paul Getty Museum. Il museo che si trova su una collina è gratuito, ma bisogna pagare il parcheggio coperto che si trova alla base . Con un tram si viene poi trasportati dal parcheggio al museo stesso e già questo piace molto ai bambini.

los-angeles-getty-museum-esterno los-angeles-getty-museum-labirinto

La struttura dell’ edificio è in stile moderno in travertino (italiano) e vetro ed è divisa in diverse sezioni. Ci sono opere di Raffaello, Van Gogh, Munch, ma anche una sezione fotografica e manoscritti.

los-angeles-getty-museum-vista

Ma la cosa migliore è che  da qui si gode una vista spettacolare della città e c’ è un meraviglioso giardino dove i bambini si possono riposare o rotolare nell’ erba.

Un viaggio a Los Angeles non può terminare senza una passeggiata a Venice Beach. A parte la difficoltà di trovare un parcheggio qui c’è una rilassante atmosfera bohémien che ci è piaciuta moltissimo. Seduti su un prato siamo rimasti a guardare i ragazzi che facevano skating sentendoci anche noi parte della città e a fantasticare su una possibile vita qui, proprio in questo quartiere.

los-angeles-venice-beach-panorama