foresta nera

Innanzitutto la Foresta Nera non è nera…ma verdissima!! Boschi di alberi alti e fitti si alternano infatti a prati di un verde brillante.

Alla scoperta della Foresta Nera con bambini

Percorrendo le numerose vie panoramiche si vedono anche laghi, cascate, si attraversano paesini con le casette a graticcio tutte colorate (che tanto ricordano la casetta della strega di Hansel e Gretel) come Schiltach che sembra uscito da una favola e Gengenbach dove è stata ripresa la casa del golosissimo Augustus Gloop nel film “La fabbrica di cioccolato”.

La regione della Foresta Nera si trova subito dopo il confine con la Svizzera, nella parte sud-ovest della Germania, ed è indicata come la più soleggiata di tutto il paese.

Noi siamo andati a luglio e, su dieci giorni, abbiamo avuto otto splendidi giorni di sole e caldo! La maggior parte delle cose da vedere si trovano tra Friburgo e Baden Baden che distano tra loro circa 100 km.

Abbiamo dormito sempre allo stesso albergo, in un paesino a 15 minuti di auto da Friburgo (Hotel & Gasthaus Löwen) .

Consiglio l’hotel per le sue camere enormi con il tetto a mansarda (che fa sempre impazzire i bambini) e la colazione con abbondanza di frutta fresca e deliziose marmellate tra cui la famosa marmellata di ciliegie nere usata nella celebre torta Schwarzwaldertorte.

L’hotel ha fatto da base per gli spostamenti verso le attrazioni di tutta la regione. Le distanze erano comunque brevi (il tratto più lungo è stato il tragitto di un’ora verso Baden Baden), le strade ottime e le cose da vedere tante…insomma non ci siamo mai stancati!

Il primo pomeriggio è stato dedicato a Friburgo, cittadina medioevale, il cui centro è interamente pedonale ed attraversato da piccoli canaletti artificiali di acqua. La leggenda vuole che se ci si bagna il piede nel canale si tornerà a Friburgo…quale scusa migliore per i bambini per inzuppare i piedi?

I pittoreschi villaggi della Foresta Nera

Gli stessi canaletti sono presenti anche a Villingen, una Friburgo in miniatura, anch’essa completamente pedonale…una vera comodità lasciar scorrazzare i bambini senza dover badare alle macchine!

Le visite ai paesini ben si conciliano con le passeggiate tra la natura.

Lungo la famosa strada degli orologi a cucù ci siamo fermati alle cascate nel paesino di Triberg. Si parcheggia in paese e si sale (dolcemente) per circa venti minuti. Le cascate hanno il salto d’acqua più alto di tutto la Germania! Lungo la discesa s’incontra un parco avventura attrezzato con scalette, ganci e con ponti sospesi tra gli alberi.

Mia figlia e la sua amichetta (entrambe hanno nove anni) hanno però preferito rimanere “con i piedi per terra” e dar da mangiare agli scoiattoli (all’ingresso delle cascate vendono le noccioline).

Triberg e’ famoso anche per gli orologi a cucù, i negozi ne espongono di tantissime dimensioni.

A Shonach (1 km di distanza) si trova l’orologio a cucù più grande del mondo (visitabile anche all’interno).

foresta neraNei dintorni c’è anche Gutach  dove vale assolutamente la pena visitare il museo all’aperto Freilichtmuseum   che riproduce un villaggio rurale tipico del secolo scorso.
Si possono visitare le costruzioni (dalle case coloniche alle stalle, dai fienili alle botteghe dei fabbri,dalla scuola alla segheria), studiarne le composizioni, leggere le descrizioni dei vari lavori e toccare con mano le colture di cui disponevano (ci sono esempi di campi a grano, a mais, a patate), nonché osservare galline, mucche, maiali, oche, api, conigli, etc…

Le case sono a due piani ed è davvero interessante (nonché uno spasso) infilarsi nelle stanze (tutte arredate con i mobili dell’epoca), nel fienile, toccare il grano macinato, osservare una sega gigante da vicino. Il museo è attrezzato con angoli ristoro e  punti divertimento per i bambini.


LEGGI ANCHE: Foresta Nera, vacanza all’ insegna del verde


Se si viaggia con piccoli amanti delle passeggiate nella natura consiglio anche le cascate di Todnauer, sono meno alte ma la passeggiata per salire (30 minuti)) mi è piaciuta di più forse perché immersa in un contesto più “naturale” con meno turisti.

Vicino alle cascate c’è un’attrazione imperdibile per i bambini: una percorso da fare a piedi nudi nel bosco. Si lasciano le scarpe in una piazzola e poi si cammina prima sul prato, poi nel bosco dove si passeggia su aghi di pino poi su corteccia poi sul muschio fino ad affondare i piedi nel fango (qui con mia grande sorpresa i bambini erano un po’ bloccati mentre noi adulti siamo tornati bambini!) per poi attraversare subito dopo un torrente di acqua gelida fino a finire di nuovo sul prato camminando in equilibrio sui tronchi di legno!!

I tedeschi per questo tipo di passeggiate hanno una vera passione e tante sono le località in cui esistono questi percorsi (http://www.barfusspark.de/).

Ma era estate e non ci siamo fatti mancare i bagni in questa vacanza!

Un giorno siamo andati al lago Titisee dove, dopo una passeggiata intorno al lago, abbiamo noleggiato un gommoncino rotondo elettrico(ideale per una navigazione silenziosa ed ecologica) che ci ha permesso di fare un bel bagno. Sul lago affittano anche biciclette.

Un altro bagno indimenticabile e’ stato alle terme di Baden Baden. Questa elegante località e’ famosa proprio per i suoi stabilimenti termali. Noi siamo andati alle “Terme di Caracalla” . Tra le varie piscine si ha l’imbarazzo della scelta: acqua tiepida, bollente,gelida, ma anche vasche all’aperto con idromassaggio bollente e una piscina con la corrente. Mia figlia e le sue amichetta sono state con noi ma c’è un’area interamente dedicata ai  bambini  “Kinderparadies” dove i bambini possono essere lasciati con gli animatori.

E per finire… l’Europa Park

Il viaggio si è concluso  con un’attrazione imperdibile per grandi e bambini: Europa Park. Il parco di divertimenti e’ il secondo per grandezza dopo EuroDisney e si trova a circa 20km da Friburgo, verso il confine con la Francia. La visita meriterebbe due giorni noi non li avevamo e ne abbiamo fatto solo uno, poiché però le file non superavano i 30 minuti (alle attrazioni più  adrenaliche) siamo riusciti a  visitarlo bene.

Ogni area tematica richiama uno dei paesi dell’Europa:  le casette, i negozi, i ristoranti, gli odori, le musiche…ci sono spettacoli ad ogni ora del giorno (che però non abbiamo fatto in tempo a vedere) e le attrazioni sono assolutamente stupefacenti!! Ce ne sono per tutte le età, dai giochi d’acqua per i piccolissimi a vari tipi di montagne russe… mozzafiato!!!

Le nostre bambine sono impazzite per quelle con il tuffo in acqua! Bellissima anche la ricostruzione del villaggio delle fiabe dedicato ai fratelli Grimm con le casette (visitabili anche all’interno) di Hansel e Gretel, della Bella Addormentata, di Rapunzel.

Insomma una viaggio diverso ogni giorno tra natura, villaggi, terme, parchi giochi.

Una vacanza completa per conoscere un’altra cultura, civile e organizzata, che pensa tutto a misura di bambino”

Racconto inviato da Silvia70


Guest Blogger

Questo post è stato scritto da un “Guest Blogger”. Quantomanca è sempre lieto di ospitare altri appassionati di viaggi desiderosi di condividere le loro esperienze con i suoi lettori.
Se vuoi raccontare anche tu un viaggio, o hai scoperto una meta interessante per le famiglie, vai alla nostra pagina COLLABORA CON NOI per maggiori dettagli.

Guest Post: pubblica su Quantomanca i tuoi diari di viaggio con i bambini

E non è finita qui…

Per rimanere sempre informato su dove andare con bambini, e le offerte dei Family hotel seguici anche su Facebook, su Instagram,  su Twitter e iscriviti alla nostra newsletter.